Lanuvio

Circondata da rigogliosi vigneti, Lanuvio possiede un ricco patrimonio archeologico locale, costituito in gran parte dai resti del Santuario di Giunone Sospita

I reperti rinvenuti non solo nell'area del santuario ma anche in altre aree come presso la stipe votiva di Pantanacci (scoperta di recente e ricca di materiale votivo del IV-II sec a.C.) sono in mostra nel Museo Civico Diffuso Lanuvino.

La storia dell'antica città è presente anche nella struttura dell'attuale borgo, che pone ben in evidenza l'impianto medioevale con mura, torri e diversi resti del castello inglobati negli attuali edifici; a loro volta i resti medioevali inglobano resti di edifici di epoca romana.

L'offerta turistica lanuvina propone un ricco calendario di feste popolari e religiose, tra le quali spicca la Festa della Musica a giugno.

Un altro elemento di orgoglio di questo borgo dalle antiche origini è il vino Colli Lanuvini DOP; già in epoca romana i rituali in onore a Dioniso erano celebrati con questo mitico vino.


Cenni storici

Cenni Storici

La storia di questi comuni nella sua unicità rivive l'archeologia, il medioevo, il rinascimento fino all'età moderna

Da vedere a Lanuvio

Da vedere

Musei, palazzi, ville, chiese, siti naturalistici e rovine romane, sono molti i monumenti da scoprire in queste località

Festa del Vino a Lanuvio

Feste e sagre

Tra il sacro e il profano le feste e le sagre dei Castelli Romani vi trascineranno in un'atmosfera ora allegra ora fascinosa

multimedia

Multimedia

Tutto quello che potreste sapere sui Castelli Romani attraverso immagini, foto, audio, video e articoli

Hotel

Dove dormire

Varia e numerosa l'offerta per una buona sistemazione ai Castelli Romani. Sicuramente troverete quello che fa per voi...

Ristorante

Dove mangiare

Questi paesi sono rinomati per la cucina e offrono una vasta gamma di opzioni che va dalla fraschetta al ristorante di lusso. A voi la scelta

Prodotti tipici

Prodotti e piatti tipici

La cucina romana rivisitata con i prodotti naturali e tradizionali dei paesi castellani, restituisce il sapore antico di cibi ormai perduti