Nemi

Nemi è il suo lago, lo “Specchio di Diana”, piccolo e brillante specchio d'acqua che ospitò le navi dell'Imperatore Caligola

Il fascino di questo paesino di antiche origini con la torre e le case che si specchiano nelle acque azzurre del lago, circondate da canneti e da serre di fragole, ha incantato nel corso degli anni poeti e pittori, così come adesso affascina i numerosi turisti che costantemente lo visitano. Oggi Nemi è famosa per le gustose fragoline, che ogni anno a giugno vengono celebrate con l’omonima Festa; il loro profumo ti inebria mentre passeggi tra i negozietti e le pasticcerie del centro, dove dai vassoi alle vetrine occhieggiano gelati, pasticcini, dolci e i drink più svariati preparati con i succulenti frutti rossi.

Vicoli magici, ricchi di fascino anche d’inverno, come a San Valentino quando al rosso delle fragole si mescola il rosso dei cuori…Ricchi anche i frutti del bosco: funghi e cacciagione; e rinomate le norcinerie artigianali. Tra i piatti tipici da gustare troviamo la coratella con le fave, la polenta con le salsicce, le fettuccine ai porcini, i “gialloni con la sadorea” (zuppa di fagioli con l’aromatica santoreggia locale).

Il fitto bosco circostante, ritenuto sacro, ospitava il Tempio di Diana Nemorense, centro religioso e politico della Lega Latina.  L’imperatore Caligola celebrò qui a Nemi i suoi culti edificandovi due grandi navi galleggianti ripescate quasi intatte alla fine degli anni Venti e che trovarono posto nel Museo delle Navi Romane fino al rovinoso incendio del 1944. Oggi il Museo conserva le riproduzioni in scala e i reperti provenienti dal fondo del lago e dall’area archeologica del Tempio di Diana. Il tempio c’è ancora: oggetto di scavo archeologico, ne è visibile una parete di grandi nicchioni, una parte del pronao con almeno un altare votivo, e qualche colonna.

Nemi è anche attraversata dalla Via Francigena del Sud e il borgo è stato premiato con la prestigiosa Bandiera Arancione del Touring Club Italiano.

Informazioni

Leggi tutto