Periplo del Lago di Nemi

Il sentiero, di facile percorribilità, si sviluppa per 6 chilometri e mezzo intorno al Lago di Nemi, partendo dal Museo delle Navi Romane. Si comincia percorrendo la strada asfaltata verso Genzano per 500 metri, poi la si lascia all'altezza di un'edicola votiva, per imboccare il sentiero CAI 515 che costeggia il Lago e passa davanti agli scavi ancora in corso di una Villa Romana.

Poco dopo si incontra l'imboccatura dell'Emissario del Lago di Nemi, importante opera di ingegneria idraulica romana la cui galleria (oggi interamente percorribile a piedi) dopo 1700 metri giunge nella Valle Ariccia. Superato l'Emissario, il sentiero prosegue intorno al Lago permettendo di godere della la flora e la fauna acquatiche, in particolare gli uccelli che nidificano nei canneti: folaghe, svassi, cormorani, germani reali, aironi cinerini, gallinelle d'acqua. Prima di ricondurci al punto di partenza, la strada asfaltata, che nel frattempo ha sostituito il sentiero sterrato, passa nei pressi del Tempio di Diana Nemorense.