Castello Medioevale

Il Castello venne probabilmente edificato nel IX secolo d.C. per esigenze di avvistamento, a protezione dalle incursioni saracene. Presenta una pianta trapezoidale e contiene diversi materiali provenienti da ex edifici romani come ad esempio il teatro; sui lati del castello sono stati utilizzati blocchi in peperino in opera quadrata di epoca repubblicana.

Successivamente nell'XI secolo d.C., i Monaci Benedettini costruirono la nuova cinta muraria con cinque torri, di cui quattro sono ancora in piedi. La torre medievale, detta La Rocca, in pietra lavica, nel XVI secolo venne trasformata in carcere segreto, come testimoniano alcuni graffiti presenti sulle pareti delle celle.

Nel XIV secolo venne edificata la Torre con funzione semaforica, ubicata in Piazza Carlo Fontana, per rimpiazzare quella precedentemente edificata dai Benedettini che era andata distrutta nel 1300, in seguito ad un'incursione dei Frangipane. Nel 1564 il Castrum cessò la propria funzione difensiva, in seguito all'acquisto da parte di Giuliano Cesarini di Civita Lavinia.

Durante la Seconda Guerra Mondiale il Castello venne in parte distrutto dagli Alleati e poi riedificato nei piani alti nell'immediato dopoguerra. Il succedersi di tutte queste stratificazioni edilizie sono ancora ben visibili. Oggi i resti del Castello risultano inglobati nelle abitazioni del centro storico.

La Torre ospita al piano terra l'Enoteca Comunale con esposizione e vendita dei vini dei Colli Lanuvini e al piano superiore la sede del WWF dei Castelli Romani.

Le mura sono visitabili sempre, può essere inserita in un itinerario turistico;

Indirizzo: Piazza Carlo Fontana , Lanuvio (Rm)

LAT/LONG: 41.676855 12.700837

Tel: 06 937891