Cineturismo ad Ariccia

Palazzo Chigi, lo storico palazzo ducale di Ariccia costituisce un esempio unico di dimora barocca rimasta inalterata nel suo contesto ambientale e nel suo arredamento originario, a documentare il fasto di una delle più grandi casate papali italiane. Iniziato nella seconda metà del sedicesimo secolo dalla famiglia dei Savelli, il palazzo fu trasformato dai Chigi in una fastosa dimora barocca su un'idea progettuale di Gian Lorenzo Bernini.

Per le sue caratteristiche spagnoleggianti Luchino Visconti volle ambientare nel palazzo gran parte del suo capolavoro: "Il Gattopardo", girando nel 1962 tutti gli interni di Donnafugata (1962).

Ecco alcuni dei film che sono stati girati nel palazzo di Ariccia:

Il Gattopardo (1963)

di Luchino Visconti con Burt Lancaster, Claudia Cardinale, Alain Delon. Dall'alto della propria villa, la famiglia nobiliare dei Corbera accoglie con preoccupazione la notizia dello sbarco delle truppe garibaldine in Sicilia per rovesciare il regno borbonico e avviare il processo di unificazione dell'Italia. Il capofamiglia Fabrizio, principe di Salina, sfruttando la propria intelligenza politica e l'attivismo dell'ambizioso nipote Tancredi Falconeri fra le file delle camicie rosse, comprende che i tempi stanno cambiando e che il potere politico e istituzionale è ormai in mano ad una nuova classe di ricchi borghesi.

Per adattarsi al tramonto dell'aristocrazia e difendere il prestigio della propria casata, il principe decide così di attendere la presa di Palermo da parte dei garibaldini, appoggiare apertamente l'annessione all'Italia ed accettare le nozze fra l'adorato Tancredi e la bella figlia di un sindaco ricco e incolto, "affinché niente cambi, bisogna che tutto cambi". Restano indimenticabili le scene del ballo girate nei sontuosi saloni del Palazzo.

Per saperne di più, clicca qui.

Guarda alcune scene del film:



Il nemico di mia moglie (1959)

di Gianni Puccini e Gabriele Palmieri, con Marcello Mastroianni, Giovanna Ralli, Vittorio De Sica. Le belle sale di Palazzo Chigi sono protagoniste di questa divertente commedia di costume. Nota anche con il titolo di Il marito bello, narra le vicende coniugali di Marco e Luciana. Lei, impiegata modello in una importante casa discografica e fanatica del Made in Usa, non sopporta che il marito, distratto e indolente sul lavoro, anteponga la passione calcistica ad un impiego fisso; lui, che ha il pallino di fare l'arbitro, si sente trascurato e non sopporta la gelosia della moglie.

Dopo l'ennessimo litigio, Marco torna a vivere nella grande casa natia con il padre, il professor Ottavio Tornabuoni, rigido e severo bibliotecario... Quasi tutti gli interni del film sono stati girati nelle sale di Palazzo Chigi. Un'irriconoscibile Sala Maestra è trasformata nella curiosa sede laziale dell'Associazione Italiana Arbitri con tanto di tavolo da ping pong. Alcune sale del piano nobile diventano invece gli ambienti dell'austera casa del prof. Tornabuoni.

Riconosciamo in particolare il Salone Giallorosso, così denominato dal colore dei rivestimenti parietali, che fa da sfondo a numerose sequenze. Puccini utilizza anche gli ambienti della Galleria e della Scala Maestra e nel cortile è ripresa, tra l'altro, anche una curiosa partita di calcio tra prelati. Dal cortile di Palazzo Chigi si intravede in altre scene anche la seicentesca Piazza di Corte del Bernini con le fontane e la facciata della Collegiata di Santa Maria Assunta.